RAVANELLO
Stagionalità

Estate / Primavera

Calorie 11 kcal
Acqua 95,6 g
Proteine 0,8 g
Grassi 0,1 g
Carboidrati 1,8 g
Zuccheri 1,8 g
Amido 0
Fibre 1,3 g
Sodio 59 mg
Potassio 240 mg
Ferro 0,9 mg
Calcio 39 mg
Fosforo 29 mg
Tiamina 0,03 mg
Riboflavina 0,02 mg
Niacina 0,4 mg
Vitamina C 18 mg

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

RAVANELLO

Il ravanello, buccia rossa e interno bianco, presenta un bassissimo apporto calorico, fra i più bassi tra le verdure, in quanto è composto soprattutto di acqua e fibre.
Come per la gran parte dei prodotti che ci regala madre natura, anche il ravanello viene sfruttato in fitoterapia per le sue proprietà terapeutiche. Si presenta infatti ricco di principi nutritivi: ferro, fosforo, calcio, vitamine del gruppo B, vitamina C, acido folico, e magnesio (importante anti-ansia naturale). Le foglie di ravanello in particolare contengono una notevole concentrazione di ferro, si prestano quindi come un valido aiuto per chi soffre di anemia.
I ravanelli hanno proprietà diuretiche e depurative.
È nota soprattutto la loro capacità di conciliare il sonno e come ottimo antispasmodici perché favorisco il rilassamento dei muscoli e del sistema nervoso.
Grazie alla presenza di rafanina, il ravanello rappresenta anche un efficace antisettico naturale in quanto aiuta a combattere la proliferazione dei batteri.

 

Storia

Il ravanello (Raphanus sativus) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Crucifere o Brassicaceae ed è originaria dell’Asia Orientale (soprattutto Cina e Giappone) dove si presenta con una radice allungata o a sfera e un particolare colore nerastro. Coltivata da tempo in tutta Italia, da noi le varietà conosciute sono piccole quanto una ciliegia: quella più diffusa è la radicola, con radice piccola, tonda e rossa.

Consigli

Di questi ortaggi si mangia soprattutto la radice e ne esistono tipi diversi, distinti in base al colore: bianchi, rossi e neri.

Il ravanello si consuma quasi esclusivamente crudo, soprattutto nelle insalate tagliato finemente a rondelle o striscioline usando comodamente una comune grattugia per il formaggio. Si può in ogni caso mangiare cotto al vapore o leggermente bollito, ed è anche possibile usarlo per decotti e infusi benefici, dopo averlo lasciato essiccare al sole.

Con il ravanello si può anche preparare un centrifugato: in caso di tosse e in presenza di catarro funge da mucolitico. Un bicchiere del suo succo al giorno, con il succo di mezzo limone e un cucchiaino di miele, aiuta a fluidificare le secrezioni, è quindi un toccasana per bronchi e polmoni.

È tuttavia sconsigliato a chi ha disturbi renali e di fegato.

Curiosita'

In Cina e in Giappone ci sono alcune varietà di ravanello che possono arrivare a pesare fino a 50 kg!

Conservazione e trasformazione

Il ravanello dovrebbe essere consumato il giorno stesso, in alternativa può essere conservato in frigorifero: 4 – 5 giorni nel comparto verdure, in un sacchetto bucherellato.

Stagionalità

Estate / Primavera

Calorie 11 kcal
Acqua 95,6 g
Proteine 0,8 g
Grassi 0,1 g
Carboidrati 1,8 g
Zuccheri 1,8 g
Amido 0
Fibre 1,3 g
Sodio 59 mg
Potassio 240 mg
Ferro 0,9 mg
Calcio 39 mg
Fosforo 29 mg
Tiamina 0,03 mg
Riboflavina 0,02 mg
Niacina 0,4 mg
Vitamina C 18 mg

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilzione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata. Abilitando i cookie ci permetterai di offrirti la miglior esperienza possibile. Cookie policy