CAROTA
Stagionalità

Autunno / Estate / Inverno / Primavera

Acqua 91,6 g
Proteine 1,1 g
Grassi 0,2 g
Carboidrati 7,6 g
Zuccheri 7,6 g
Fibre 3,1 g
Energia 35 kcal
Sodio 95 mg
Potassio 220 mg
Ferro 0,7 mg
Calcio 44 mg
Fosforo 37 mg
Vitamina C 2 mg

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

CAROTA

La carota è una preziosa miniera di sali minerali che non devono mai mancare nella nostra alimentazione: ferro, calcio, magnesio, rame, zinco. Ma è anche ricca di vitamine: apporta pro-vitamina A (carotenoidi), vitamina B e C; tra tutti i vegetali rappresenta la fonte più ricca di beta-carotene, trasformato in vitamina A dall’organismo in caso di bisogno. Basti pensare, infatti, che 200-300 grammi di carote ci forniscono una quantità di beta-carotene pari a circa 5-10 volte il fabbisogno giornaliero raccomandato (20-25 mg a fronte di un fabbisogno stimato in 2-4 mg/giorno).
Quindi con una carota di media grandezza si può assumere l’intera dose giornaliera raccomandata di beta-carotene (vitamina A), con tutti i benefici che ne derivano.
Ha notevoli proprietà antiossidanti (grazie al betacarotene, ai carotenoidi, acidi idrossicinnamici, antiocianidine), cicatrizzanti (grazie alle sue proprietà antisettiche apportano benefici contro ulcere e infiammazioni), epatiche (al suo alto contenuto di vitamine e sali minerali è in grado di purificare e tonificare fegato e reni, proprio grazie), diuretiche e depurative (favorisce la depurazione contro intossicazioni alimentari e dissenteria, eliminando batteri e tossine e facilitando la digestione), antitumorali, dietetiche (grazie al suo bassissimo contenuto di calorie, versatilità nel suo consumo e alto contenuto di fibre), fotoprotettive (alleate della pelle. le carote favoriscano l’abbronzatura proteggendo la pelle grazie all’elevato contenuto di alfa e beta carotene), idratanti (favorisce l’elasticità della cute, ripara i tessuti e attenua infiammazioni da acne o eritemi).

La radice di carota è ricca di riserve zuccherine, mentre nella parte erbacea si trovano moltissimi flavonoidi, furanocumarine ed olio con molecole a basso peso molecolare, perciò molto volatile, che si caratterizza per il contenuto in geraniolo, limonene, e sesquiterpeni come il daucolo.

È particolarmente consigliata per curare l’obesità infantile, in caso di stress, astenia e afonia.

Storia

La pianta della carota, che appartiene alle Ombrellifere, viene coltivata soprattutto per le proprietà nutritive della sua radice.

Si dice che siano stati i Romani i primi a scoprirla, attribuendo a questo importante ortaggio proprietà diuretiche e afrodisiache.

Fin dalle epoche più antiche la carota è stata apprezzata per i suoi innumerevoli benefici. Un tempo considerata uno strumento curativo o semplicemente foraggio per animali, veniva coltivata inizialmente in medio Oriente per poi diffondersi tra i Greci. Nel Medioevo invece la si utilizzava contro i calcoli renali. Tuttavia, solo in seguito furono scoperte tutte le altre proprietà e i suoi numerosi benefici, divenendo assolutamente commestibile e indispensabile soltanto al tempo di Caterina Dei Medici, in Spagna.

Consigli

Per assorbire meglio il beta carotene contenuto nella carota, è meglio consumarla cotta poiché la cottura rende più biodisponibile questo importante elemento.

Oltre nel tradizionale minestrone e brodo vegetale, sono molte le ricette in cui potete utilizzare le carote, dalle più tradizionali alle più fantasiose. Sono ottime come contorno alternativo all’insalata in un mix di ortaggi cotti, tagliati a tocchetti e poi conditi con un pizzico i sale, olio EVO bio ed erbe aromatiche a scelta. Possiamo inserirle nei ripieni degli strudel salati, insieme alle altre verdure nei risotti e cous cous, nelle insalate di riso e in ottime vellutate, possono arricchire gli hamburger vegetali ed essere usate per la preparazione di dolci.
Le carote possono essere sottoposte a diversi tipi di cottura, dalle più sane come la cottura a vapore e la bollitura.
Le carote crude, pulite e tagliate a julienne o a rondelle, possono arricchire di gusto e colore ogni tipo di insalata. La versatilità della carota ci permette di accompagnarla a moltissimi ingredienti: mele, finocchi, sedano, ravanelli, germogli di soia e lattuga sono solamente alcuni esempi che vi permetteranno di ottenere un’insalata sfiziosa e sana.  Allo stesso modo della frutta, anche le carote possono essere utilizzate per la preparazione di sani e gustosi frullati e centrifughe: insieme a mela, arancia e zenzero per fare il pieno di vitamine, mentre per un’alternativa più energetica abbinatela alla banana e yogurt o latte vegetale. Le carote si prestano anche per la preparazione di salutari e freschi estratti.

Curiosita'

Della carota esistono moltissime varietà che difficilmente troveremo sui banchi dei supermercati tradizionali: oltre alle ben note carote arancioni, ne esistono di rosse, gialle, bianche, viola e addirittura nere!

Il carotene è il pigmento responsabile della tipica colorazione arancione della carota: proprio per questo motivo, i caroteni vengono estratti dalla radice ed impiegati come colorante naturale nell’industria agro-alimentare (E160).

Conservazione e trasformazione

Le carote possono essere conservate per giorni senza perdere alcuna sostanza nutritiva. Evitate di conservarle insieme a mele, pomodori e patate, per cui mettetele in un sacchetto di plastica chiuso e riponetele in frigorifero lontano da questi alimenti. Un altro ottimo modo per conservarle è chiuderle in un contenitore di polistirolo (come quello del gelato per intenderci), saranno fresche per settimane e disponibili in ogni momento.

Stagionalità

Autunno / Estate / Inverno / Primavera

Acqua 91,6 g
Proteine 1,1 g
Grassi 0,2 g
Carboidrati 7,6 g
Zuccheri 7,6 g
Fibre 3,1 g
Energia 35 kcal
Sodio 95 mg
Potassio 220 mg
Ferro 0,7 mg
Calcio 44 mg
Fosforo 37 mg
Vitamina C 2 mg

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilzione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata. Abilitando i cookie ci permetterai di offrirti la miglior esperienza possibile. Cookie policy