BROCCOLO
Stagionalità

Autunno / Inverno

Acqua 88,30 g
Carboidrati 4,5 g
Zuccheri 4,5 g
Proteine 4,30 g
Grassi 0,5 g
Colesterolo 0 g
Fibra totale 3,3 g
Vitamina A 2µg
Vitamina C 33 mg

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

BROCCOLO

I broccoli sono caratterizzati principalmente dall’essere ricchi d’acqua, poveri di calorie e ricchi di sali minerali, specialmente di calcio, ferro, fosforo, e potassio. Contengono anche vitamina C e K, vitamina B1 e B2 e sulforafano, una sostanza che previene la crescita di cellule cancerogene. Presentano, inoltre, un basso indice glicemico e un buon apporto di fibre e proteine.

I broccoli riducono il rischio di cataratta e protegge dall’ictus. Hanno inoltre capacità di mitigare le infiammazioni delle vie aeree superiori (faringe, laringe, trachea e parte alta dei bronchi). Dato il loro elevato potere antiossidante, secondo studi medici, un adeguato consumo aiuta a rafforzare le difese immunitarie e a combattere l’Helicobacter pylori, un batterio molto resistente che colonizza la mucosa gastrica provocando gastriti ed ulcere.

Storia

I Broccoli appartengono alla famiglia delle Crocifere ( o Brassicaceae) che comprende, tra gli altri, anche crescione, rafano, rucola, ravanello, rapa, cavolo e cavoletti di Bruxelles. Noto nella nostra penisola già al tempo dei Romani, la parola “broccolo” rappresenta la forma allungata e quasi diminutiva di brocco (dal basso latino broccum che originariamente stava per “dente sporgente” e poi per “rampollo”, “germoglio”); il termine indica in primis il tallo della rapa e di talune qualità di cavoli quando cominciano a fiorire.

Consigli

I broccoli sono ottimi cotti, ma non troppo. Mentre una cottura a bassa temperatura contribuisce al rilascio di alcune sostanze protettive, surriscaldandoli in una cottura prolungata se ne distruggono altre. Ad esempio, i carotenoidi come il betacarotene resistono al calore, ma gli indoli come l’I3C (molecola antitumorale) sono termolabili. L’ideale è una leggera cottura al vapore.

Curiosita'

Il forte odore che emana in cottura, a molti spiacevole, è dovuto alla presenza di un elevato contenuto di zolfo che viene rilasciato in presenza di elevate temperature. Si può però facilmente attenuare aggiungendo un po di mollica di pane, bagnata nell’aceto, prima di aggiungervi l’acqua in cui verrà messo il broccolo per la cottura.

Conservazione e trasformazione

Conserva il broccolo in frigorifero nello scomparto meno freddo per 5 giorni. Puoi sbollentare le cime dopo averle separate dalle foglie e dalle parti più dure, in acqua bollente leggermente salata, raffreddarle in acqua ghiacciata e conservarle in frigorifero per 3 giorni, coperte o messe in sacchetti appositi. Puoi congelare le cime sbollentate per una durata maggiore.

Stagionalità

Autunno / Inverno

Acqua 88,30 g
Carboidrati 4,5 g
Zuccheri 4,5 g
Proteine 4,30 g
Grassi 0,5 g
Colesterolo 0 g
Fibra totale 3,3 g
Vitamina A 2µg
Vitamina C 33 mg

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilzione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata. Abilitando i cookie ci permetterai di offrirti la miglior esperienza possibile. Cookie policy