BARBABIETOLA CON FOGLIA
Stagionalità

Autunno / Inverno / Primavera

Calorie 43
Acqua 91,3 g
Grassi 0,2 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0,1 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Proteine 1,61 g
Carboidrati 10 g
Zuccheri 6,76 g
Colesterolo 0 g
Sodio 78 mg
Potassio 325 mg
Ferro 0,8 mg
Fibra alimentare 2,8 g
Magnesio 23 mg
Zinco 0,35 mg
Calcio 20 mg
Vitamina A 2 µg
Vitamina C 7 mg
Beta-carotene 20 µg
Vitamina B6 0,1 g

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

BARBABIETOLA CON FOGLIA

Piena d’acqua (oltre il 91% del suo peso) e di fibre, la barbabietola rossa è particolarmente saziante, depurativa e utile per eliminare le tossine in quanto stimola la diuresi, aiutando anche a prevenire le infezioni alle vie urinarie. Favorisce il processo digestivo ed è perciò ideale per contrastare irregolarità intestinali e stitichezza. Non solo la barbabietola, ma anche il suo succo, ha azione antinfiammatoria e protettiva, contribuendo a mantenere in salute tutto il sistema cardio-vascolare grazie, in particolare, alla presenza di nitrato alimentare in forma naturale, sostanza in grado di migliorare significativamente il flusso sanguigno e ridurre la pressione arteriosa. Ad alto contenuto di nitrati troviamo anche la lattuga, il ravanello, gli spinaci, il rabarbaro e il rafano.
La barbabietola è ricca di vitaminesali minerali e ferro, motivo per cui viene spesso inserita nei regimi alimentari dei soggetti che soffrono di anemia.
Racchiude anche una quantità non indifferente di calcio e di magnesio, così come numerosi micronutrienti indispensabili alle cellule. Tra i minerali presenti, in testa c’è il potassio, che svolge un ruolo di controllore della pressione e della buona salute del sistema nervoso. Tra le vitamine, ci sono la C che rinforza il sistema immunitario e alcune del gruppo B, come la B9, o acido folico, fondamentale in ogni fase della vita e in particolare durante la gravidanza, per un corretto sviluppo del nascituro.
Le molte fibre presenti rendono la barbabietola un importante alleato nella depurazione dell’organismo e nel controllo del senso di fame.
Nonostante sia poco calorica, questa radice contiene una discreta quantità di zuccheri, responsabili del suo sapore zuccherino e per questo molto amata da adulti e bambini; tale qualità la rende un ottimo alimento per chi pratica sport, chi è in convalescenza, è stanco o semplicemente affaticato.

Storia

Nonostante appartenga alla stessa famiglia, la barbabietola rossa non dev’essere confusa con la barbabietola da zucchero. La barbabietola rossa (nome scientifico Beta vulgaris) è una pianta erbacea a ciclo biennale (un anno concentra nutrienti nella radice e l’anno seguente sviluppa il fusto in superficie).
La barbabietola ha inoltre origini antiche: il suo consumo è citato persino in alcuni antichissimi scritti greci risalenti al 420 a.C., periodo in cui il tubero rosso era conosciuto semplicemente come beta. Secondo quanto riportano altri autori, l’origine delle barbabietole rosse risale addirittura al 2.000 a.C., considerata la presenza di alcuni reperti archeologici che la testimoniano. Sembrerebbe infatti che la civiltà babilonese consumasse a scopo alimentare discrete quantità di barbabietola rossa.

Consigli

Attenti a non buttare le deliziose e lunghe foglie di Barbabietola! pochi sono al corrente della loro versatilità in cucina: se fresche, sono ottime per nutrienti centrifugati, salse e vellutate, possono essere preparate come gli spinaci, saltate in padella, aggiunte ai minestroni o insaporire un brodo.

Si consigliano in generale cotture veloci per la barbabietola rossa in modo da non alterare troppo le proprietà benefiche. L’ideale è consumarla cruda, tagliata in piccoli pezzi, grattugiata o affettata sottilmente e semplicemente condita con succo di limone/ aceto di mele o miele biologico, e un filo d’olio EVO bio. Un’altra soluzione è quella di cuocerla al vapore o saltarla in padella con spezie, erbe aromatiche, olio e una punta di sale. Una volta cotte, le barbabietole assumono un colore rosso molto scuro, tendente al violaceo.
Ideale anche per scenografici e coloratissimi dolci, anche semplicemente aggiungendola a yogurt (bio, senza zuccheri aggiunti) e miele, con semi misti, mandorle e/o nocciole tostate.

Curiosita'

Secondo uno studio sui nitrati condotto da un noto professore di farmacologia vascolare presso The London Medical School, una tazza di succo di barbabietola al giorno può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna in modo sorprendente: dopo aver somministrato un quantitativo di 250 ml giornalieri di succo di barbabietola (contenente 0,2 g. di nitrati) a persone con pressione sanguigna alta, si è potuto verificare che nell’arco di 3/6 ore la loro pressione sanguigna è diminuita di circa 10 mm Hg. Tale effetto è rimasto presente per tutte le 24 ore seguenti con effetti ancora più significativi dopo le prime 6 ore.

Al succo di barbabietola rossa vengono attribuiti benefici anti-cancro.

Dalle barbabietole viene ricavato un colorante naturale impiegato nell’industria alimentare per la produzione di altri alimenti. I coloranti naturali presenti nella barbabietola possono inoltre essere utilizzati per produrre cosmetici, come i rossetti naturali, e per la tintura dei tessuti. In pasticceria si utilizza il succo di barbabietola, la sua polpa o il suo estratto liofilizzato per la colorazione naturale di creme e di dolci.

Conservazione e trasformazione

La barbabietola fresca, che si presenta con ancora le foglie e la radice, si conserva in frigorifero o in un luogo fresco e umido, fino a 4 settimane. Volendo si possono anche congelare; in questo caso bisogna farla bollire per 3-4 minuti prima di riporla in freezer in sacchetti o contenitori ben chiusi.

Stagionalità

Autunno / Inverno / Primavera

Calorie 43
Acqua 91,3 g
Grassi 0,2 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0,1 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Proteine 1,61 g
Carboidrati 10 g
Zuccheri 6,76 g
Colesterolo 0 g
Sodio 78 mg
Potassio 325 mg
Ferro 0,8 mg
Fibra alimentare 2,8 g
Magnesio 23 mg
Zinco 0,35 mg
Calcio 20 mg
Vitamina A 2 µg
Vitamina C 7 mg
Beta-carotene 20 µg
Vitamina B6 0,1 g

Valori nutrizionali per 100g di prodotto

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilzione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata. Abilitando i cookie ci permetterai di offrirti la miglior esperienza possibile. Cookie policy